Apr
26
2019

Perchè si dovrebbe parlare di salute nei programmi elettorali

Questa settimana è entrata in vigore una Legge importantissima, che vi invito a scaricare e a leggere: è la Legge n.29 del 22 marzo 2019, che è diventata attuativa sabato scorso (20 aprile). Il provvedimento tratta, in estrema sintesi, due aspetti: l’istituzione della rete nazionale dei registri dei tumori e l’introduzione del referto epidemiologico, ovvero di una raccolta di dati che fotografano lo stato di salute di una comunità rispetto all’impatto delle principali patologie.

Ciò significa che fino ad oggi non è esistita nè una rete nazionale, nè un’analisi territoriale delle patologie che consentisse di capire l’incidenza di malattie specifiche in determinate aree del Paese (ad esempio, la Valcalepio).

Attenzione: questo non vale per la Provincia di Bergamo, in cui ATS ha già attivato dal 2013 un registro accreditato di raccolta dei dati sull’incidenza dei tumori. In attesa di una Legge, Bergamo si è dunque mossa per tempo, grazie a quegli straordinari professionisti che hanno raccolto i dati e hanno pubblicato l’ultima edizione sull’incidenza e mortalità dei tumori il 4 ottobre 2018.

Questo documento, estremamente corposo, andrebbe letto con grande attenzione da parte di chiunque si candidi alle prossime elezioni, abbandonando temporaneamente Facebook e rimettendosi a studiare.

Vi offro una sintesi che riguarda l’ambito di Grumello, a cui appartiene il Comune di Telgate, con una popolazione di circa 50 mila abitanti. I numeri (i numeri!) riguardano il periodo tra il 2007 e il 2012 per l’incidenza dei singoli tumori, e il periodo tra il 2009 e il 2015 per la loro mortalità.

  1. I tumori costituiscono la prima causa di mortalità tra gli uomini (41.1%) e la seconda per le donne (31%);
  2. i maschi del distretto di Grumello presentano un rischio di incidenza significativamente più alto della provincia di Bergamo per i tumori all’esofago (+83%), al retto (+51%) e al colon-retto (+22%);
  3. le donne del nostro distretto mostrano un rischio significativamente più alto rispetto alle donne del resto della provincia per il tumore allo stomaco (+55%), per il quale soffrono anche di un maggiore rischio di mortalità (+55%);
  4. i maschi e le femmine del grumellese hanno un rischio di mortalità più alto per il tumore al fegato (+36% maschi, + 51% femmine);
  5. rispetto al tumore del polmone, la provincia di Bergamo supera per incidenza il nord Italia;
  6. per il tumore alla cervice uterina, la provincia mostra una mortalità superiore al 35% rispetto alla media lombarda, mentre il tumore alla prostata per gli uomini rivela un’incidenza più alta rispetto al nord Italia.

Numeri.

L’indagine dell’ATS scava ancora più in profondità, cercando di individuare i fattori di rischio per ogni patologia, offrendo spunti per l’individuazione delle cause.

La conclusione dello studio rivela le conseguenze di questa analisi: per gli enti locali, il compito è di fare pianificazione urbanistica che riduca l’inquinamento, adottare piani del traffico (Telgate è all’anno quasi-zero), adottare una seria regolamentazione edilizia, promuovere l’informazione sanitaria nei confronti dei cittadini. Lo scrivono i medici.

Io aggiungo: compito di un’amministrazione seria è inoltre di mettersi al tavolo con i Comuni del distretto e con ATS per comprendere quali siano i fattori di rischio specifici che causano le incidenze e le mortalità che vi ho descritto, e perfare scelte di lungo periodo condivise per ridurli.

Questo è un tema strategico per la Valcalepio; tuttavia, provate a fare mente locale dei sindaci dei nostri Comuni e delle politiche che hanno attuato negli ultimi cinque anni. Continuino pure a costruire, a consumare suolo agricolo, ad evitare le valutazioni ambientali preliminari, a promettere grandi opere. E voi a votarli.

La salute, quella può rimanere nelle tabelle dell’ATS, come se dipendesse solo dalla buona o dalla cattiva sorte, e non anche, come io sostengo, da alcune precise scelte locali.

Fabio

Autore: Fabio Turani

Scrivi un commento

You must be logged into post a comment.