Dic
24
2017

Perchè serve più attenzione sulla spesa

E’ opportuno sapere, anzitutto, che mercoledì scorso il consiglio regionale ha bocciato l’emendamento per finanziare il terzo lotto della SP91 tra Grumello del Monte e Palazzolo, su cui anch’io insisto da tempo. L’opera non è ritenuta prioritaria, mentre a Castelli Calepio si continua a fantasticare sull’impossibile variantina SP84-SP91. Vi aspetto a braccia aperte nella Valcalepio, cari amici della Lega (ex Nord) regionale (Terzi in primis), e ci spiegate le ragioni per cui non si mettono soldi laddove servono davvero.

Anche noialtri, nel microcosmo telgatese, abbiamo approvato il bilancio previsionale 2018-2020 del Comune. Sebbene il clima sia ormai di dialogo costruttivo, rimangono forti divergenze, che spiego sinteticamente:

1. la spesa corrente rimane invariata nei prossimi anni. Da anni sostengo che la spesa per la “macchina comunale” (missione 1) vada contenuta per tutto quanto è improduttivo, spostando il risparmio negli investimenti in conto capitale sul patrimonio pubblico. Inascoltato. Basta leggere le determinazioni di spesa di dicembre, nonchè le modalità con cui si fa spesa (quasi sempre in affidamento diretto), per capire quanto denaro pubblico si potrebbe risparmiare.

A questo proposito, sto predisponendo un prospetto dettagliato di tutte le determinazioni e deliberazioni relative a spesa che ritengo non prioritaria, e che, ad oggi, supera i 100 mila euro. Moltiplicate questa somma per cinque anni di mandato, e vi trovate risorse disponibili per realizzare, ad esempio, la passerella pedonale di via Passerera.

Sulla spesa pubblica servirebbe un approccio da impresa privata, nella quale si definiscono metodi precisi per la fornitura di beni e servizi, e in cui l’affidamento diretto è una soluzione eventuale, non la prassi quotidiana.

2. La spesa in conto capitale è piuttosto confusa. Da quanto si capisce dalla discussione consigliare, il mutuo da 560 mila euro per la riqualificazione dei campi sportivi è saltato a causa del superamento dei vincoli di finanza pubblica. Il progetto di sistemazione dei campi pare essere dunque suddiviso in interventi finanziabili mediante bandi, cioè rappresenta una spesa eventuale, non più programmata.

Gli interventi di prevenzione del rischio sismico della scuola elementare, per i quali stanziamo 18 mila e 500 euro di progettazione, rientrano anch’essi nell’eventuale copertura mediante fondi regionali. Anche questo investimento è dunque potenziale, sebbene io lo metterei in cima alle priorità del Comune.

La realizzazione della passerella pedonale di via Passerera è unicamente inserita tra gli obiettivi generali, cioè non arriverà nel 2018 e, per quanto ho ascoltato in consiglio, nemmeno nel 2019.

Le opere stradali pre-elettorali non realizzate nel 2017 – sistemazione di piazza Vittorio Veneto, pavimentazione del cortile del centro Biennati, riqualificazione di via Crocefisso, marciapiede lungo via Cesare Battisti, e altre sistemazioni di strade – verranno effettuate di gran carriera nel 2018 grazie alla cessione del terreno di via Gery/via San Giuseppe, che pare imminente. E’ semplice comprendere chi sarà il fortunato vincitore dei lavori, visto che è quasi dirimpettaio del terreno, ma sarà meno facile giustificare come si possano realizzare opere pubbliche concedendo tutto lo sconto al privato. Su questo aspetto, ho pronto l’esposto in Corte dei Conti, e sono disponibile a sfidare qualunque avvocato nel dimostrare come si possano affidare lavori pubblici bypassando le gare per importi di 900 mila euro.

Mi pare, in sintesi, di cogliere una carente gestione della spesa, ricondotta più alle esigenze del rinnovo amministrativo del 2019 che ad una logica rigorosa. Non considerando che la quota preponderante delle entrate a copertura della parte corrente derivano da tasse ed imposte pagate dalle imprese – i dati sulla tassa sui rifiuti lo hanno mostrato chiaramente -, con le quali bisognerebbe operare con maggiore oculatezza. A mio giudizio.

Fabio

 

Autore: Fabio Turani

Scrivi un commento

You must be logged into post a comment.