Mag
3
2017

Grumellocenter – parte tredicesima: Grumello ci provoca

Non c’è nulla da fare: per gli amministratori grumellesi (di maggioranza) il Comune di Telgate deve sembrare un fazzoletto di terra situato dopo il ponte dell’Autostrada, un paesino di serie Z rispetto al prestigio del loro paese dei supermercati sfavillanti.

Se così non fosse, se cioè ci attribuissero un minimo di dignità e di rispetto amministrativo, non sarebbero partiti con gli scavi di Grumellocenter. Lo avrete notato tutti: a partire dal 2 maggio, è cominciata la realizzazione delle opere di urbanizzazione del lotto D3/B (lato ferrovia) o lotto B, a seconda di come lo chiamano.

Ma come, non abbiamo scritto dodici articoli per spiegare che c’è un ricorso pendente al TAR da parte del Comune di Telgate proprio contro questi lavori, che ci sono stati più incontri in Provincia per giungere alla sospensione del nulla osta sulla viabilità, che è stata coinvolta Regione Lombardia per un parere su questo progetto, che ci sono state mobilitazioni ed assemblee per fermare questa iniziativa? E di fronte a questo hanno cominciato comunque i lavori, in barba a tutto?

Mi aspetto già la risposta della sindaca: avevano un permesso di costruire per quelle opere di urbanizzazione, e lo stanno attuando. Ovvio no? Per quale motivo, dunque, non andate fino in fondo, cari amministratori, e gli rilasciate il permesso di costruire per tutto il progetto? Ve lo abbiamo scritto più volte, ma noto che esitate.

Mi pare di capire la dinamica, che provo a spiegare in modo semplice (a mio giudizio): costruiscono le strade per accedere ad un lotto di Grumellocenter, in modo che quando il calcestruzzo e l’asfalto saranno posati, si dirà che non si può più tornare indietro. E i cittadini si convinceranno che, insomma, protestare non serve a nulla.

Ecco, vi spiego il NOSTRO obiettivo: far smontare tutto quello che hanno costruito, in modo che quei lotti ritornino aree verdi. Ci vorrà del tempo, si aspetteranno i giudizi dei tribunali, ma non li molleremo.

Ritengo che questa sia un’autentica provocazione, che rispedisco al mittente.

Frattanto, noto che il prossimo consiglio comunale di Grumello sarà il 31 maggio, ma che non ci sarà alcuna discussione su Grumellocenter. Fenomenale: non era stata depositata una petizione con 200 firme, un’interrogazione consigliare, e via discorrendo? Da tempo aspetto di venire ad ascoltarvi in una sede istituzionale, ma evitate l’argomento.

Teniamo duro, cari cittadini, che gli faremo cancellare il progetto, come abbiamo fermato i vari ATEg39 di turno.

Fabio

Autore: Fabio Turani

3 Comments+ Add Comment

  • Buongiorno.
    Sono d’accordo con le motivazioni e le modalità di chi sta contrastando la nascita di Grumellocenter, ma mi chiedo anche se a questo punto il Comune di Telgate abbia pensato ad un “piano B”.
    Gli interessi e gli intrallazzi in gioco sono tanti, e sappiamo benissimo che questa non è un’opera per il bene comune ma solo per le tasche di pochi.
    Se il centro commerciale si farà, cosa resterà per i telgatesi? Niente di niente.
    Perché non chiedere per esempio una pista ciclo-pedonale “seria” (con un sotto o sovrappasso) per attraversare la zona del casello e rotonda della botte, arrivando in sicurezza fino alla stazione? Oggi si trova spesso gente a piedi che attraversa dove non dovrebbe, e un ciclista rischia la vita ogni volta che si immette in quella rotonda…
    Grazie
    Roberto

    • Va pur detto, Roberto, che a quanto pare non c’è esattamente una folla di persone, sia a telgate, che a grumello, disposta ad essere più che agnostica a riguardo. E come sempre, senza controllo, la politica fa quel che vuole.

  • Roberto,
    grazie del contributo. Non mi pare esista un piano B, per ora, perchè siamo nella fase dei piatti che volano. Semmai si perdessero tutti i ricorsi (non lo spero), e semmai la Regione desse ragione ai grumellesi (ma non credo), allora si dovrà trattare una resa tipo quella che suggerisci.
    Ma la campagna sarà dura, e, al posto del sindaco di Telgate, avrei fatto ancor più casino. Per il momento, nessun dialogo dunque.

Scrivi un commento

You must be logged into post a comment.