Dic
14
2009

Anche Telgate tra i comuni virtuosi?

"Nessuno fece errore più grande di colui che non fece nulla pensando di poter far ben poco" Edmund Burke

Nessuno fece errore più grande di colui che non fece nulla pensando di poter far ben poco” Edmund Burke

Ho letto ieri di una lodevole iniziativa del comune di Chiuduno, che ha aderito alla campagna “Porta la sporta” proposta dall’Associazione Comuni Virtuosi.

Si tratta in sostanza di ridurre progressivamente il consumo di sacchetti di plastica attraverso un accordo tra i commercianti del paese e il Comune: in una prima fase i negozi distribuiranno gratuitamente borse di stoffa riportanti il logo dell’iniziativa e dei commercianti che vi hanno aderito (il Comune contribuisce in parte alle spese), in un secondo momento le borse verranno vendute al prezzo di un euro. 

E’ un gesto semplice e contribuisce, se proposto con convinzione, a ridurre l’utilizzo di sacchetti di plastica del 75% in un anno.

E’ naturale che il primo passo debba essere fatto dal Comune, che si assume l’incarico di adottare una delibera ad hoc (il cui formato è scaricabile dal sito portalasporta.it), coinvolge i commercianti telgatesi e altre associazioni volontarie che aderiscono alla proposta, promuove presso i cittadini una coscienza ambientale che porti a modificare stili di vita non eco-sostenibili  -basta un incontro pubblico per cominciare- e infine coordina l’iniziativa.

Lancio dunque la proposta all’assessore Sala (che so che segue questo blog), sperando di aver solleticato la sua sensibilità e augurandomi che prenda in seria considerazione questa idea.

In caso contrario, sottoporremo una proposta di delibera ad uno dei prossimi consigli comunali.

Non voglio cimentarmi in omelie ambientaliste, ma se pensiamo che il 96% della plastica prodotta non viene riciclata credo sia urgente cominciare a pensare che il nostro comportamento “usa e getta” non è più tollerabile.

Buona settimana

Fabio

P.S. non me ne vogliano i  produttori di sacchetti di plastica, che sia per loro uno stimolo a investire di più sui polimeri biodegradabili. Le legislazioni italiana ed europea stanno andando in questa direzione (meno male).

Autore: Fabio Turani

Scrivi un commento

You must be logged into post a comment.