Ott
30
2009

I princìpi di una buona amministrazione

Partecipare

Ho sempre pensato – e credo che tutti gli amici di Progetto per Telgate condividano- che un’amministrazione comunale possa definirsi “buona ” non solo quando adempie ai principi generali della legge, ma quando è capace di fare due cose basilari: condividere le scelte rilevanti che riguardano il paese con una platea più allargata possibile e stabilire una gerarchia di priorità su cui investire progressivamente tempo, energie, denaro pubblico, passione intellettuale.

E’ sulla base di questa convinzione che non appena il gruppo Lega nord di Telgate ha stravinto le elezioni abbiamo teso la mano, chiedendo coinvolgimento, confronto costruttivo, compartecipazione alle scelte. Ci è stato risposto che chi vince governa, chi perde sta in opposizione.

Peccato. Perchè ci sono validissime energie sia nel nostro gruppo che negli altri gruppi che nel paese di Telgate. La strada che la nuova generazione di amministratori dovrebbe seguire è quella di farsi carico di un nuovo tentativo di costruire insieme -con chi si vuole mettere in gioco- il futuro del nostro paese, superando le barriere ideologiche. Noi avremmo fatto così.

E invece no. Siamo ai soliti teatrini del consiglio comunale, ai soliti atteggiamenti di ripicca, alle solite repliche dei comportamenti che si vedono nei dibattiti in televisione.

I sintomi di una scarsa amministrazione ci sono già: il nostro strumento urbanistico che viene redatto da un architetto a cui viene chiesto solo di fare in modo che si trovino i soldi per mantenere le promesse elettorali (non ha letto il sindaco le ultime proposte del Ministero dell’Economia sul social housing?), la grande Onlus che è un pasticcio, l’invenzione delle classi di inserimento per gli extra-comunitari, il tabellone luminoso che ci sta facendo deridere da tutti, …

E’ evidente che manca una capacità di pensiero complessivo, la condivisione delle scelte.

Nemmeno sulla nostra proposta di delibera sull’informazione ai cittadini si è discusso. Si farà solo il solito giornalino di propaganda.

Se è così, caro sindaco e cari assessori, amministrate voi, decidete voi. Ma sappiate che state dilapidando un patrimonio di energie giovani che vi vengono offerte gratis per migliorare la qualità delle scelte che riguardano il paese di Telgate. E che magari, domani, preferiranno evitare di partecipare a consigli comunali di scarsa utilità per impiegare altrimenti il proprio tempo.

E  il paese di Telgate, che vive un periodo di transizione non semplice, questo lo deve evitare. Pensateci su.

Fabio

Autore: Fabio Turani

1 Comment+ Add Comment

  • Bene, Signori, ci risiamo. Il discorso verte sempre sullo stesso punto: i cittadini devono interessarsi a qualcosa che va oltre il proprio orticello, lo ripeteremo all’infinito.

    Il bene comune è bene di tutti, ma ognuno vive come se l’amministrazione comunale e la politica del paese fossero cose distanti anni luce. E’ ora di informarsi, noi ci stiamo mettendo tempo, energie e talvolta anche denaro, ma se continueremo ad essere amministrati (a livello locale e nazionale, è la stessa cosa) alla “bene e meglio” sarà colpa di tutti.

    E’ arrivato il momento di smetterla di sfoggiare il proprio menefreghismo di fronte ai doveri pubblici per poi andare a lamentarsi (a latte ormai versato) con l’amico al bar di turno.

    Cittadini, sveglia!!!

Scrivi un commento

You must be logged into post a comment.